Programma

Programma 

Prevenire è meglio che curare: cogliere i segnali di deterioramento dell’impresa.

  • Valutare la sostenibilità dell’indebitamento attraverso i flussi di cassa:
    • il Debt Service Coverage Ratio
    • Il rapporto PFN/EBITDA
  • La pecking order theory: l’evidenza empirica dell’utilizzo delle fonti finanziarie di emergenza
  • Cosa possono insegnarci i segnali di early warning:
    • Bancari: l’applicazione dell’IFRS9
    • Giuridici: gli indicatori del codice della crisi e dell’insolvenza

Come si interviene nella ristrutturazione del debito ed il recupero della sostenibilità del medesimo:

  • Il concetto di break even finanziario
  • Le opzioni di ristrutturazione aziendale
  • Le possibilità di intervento sul debito 

Gli strumenti deflattivi previsti dal codice della crisi e dell’insolvenza:

  • L'insolvenza del privato consumatore o piccolo imprenditore sotto-soglia: la disciplina in materia composizione delle crisi da sovraindebitamento.
    • Il piano del consumatore
    • Le soluzioni per l'imprenditore c.d. "sottosoglia"
  • L’insolvenza dell’impresa sopra soglia: gli strumenti previsti dal codice della crisi e dell’insolvenza.
    • Le segnalazioni di allerta precoce e il ruolo dei creditori “speciali” quali l’erario
    • Il piano di ristrutturazione gestito dall’O.C.R.I.
    • I piani di risanamento per la salvaguardia della continuità aziendale:
      • Piani attestati
      • Accordi di ristrutturazione omologati
    • Il concordato preventivo:
      • Di matrice liquidatoria
      • In continuità aziendale
    • La liquidazione giudiziale:
      • La procedura e il trattamento dei creditori
      • Le responsabilità degli amministratori e sindaci
      • Gli effetti sugli istituti di credito (Focus sull’azione revocatoria)