Finance for "non Finance"


Principi, logiche e strumenti alla base della finanza aziendale

  • 06 marzo 2025 - Online
Data e Sede
06 marzo 2025 - Online
Durata
4 mezze giornate
Direzione scientifica
Diana Lesic
Prezzo
€ 800 + IVA
Agevolazioni
-22% entro il 22 dicembre / Iscrizioni multiple

Corso

I “non finance manager” nella loro operatività quotidiana si trovano sempre più spesso a doversi confrontare con il modo della finanza aziendale: esaminare e comprendere report finanziari, partecipare a riunioni dense di acronimi e concetti finanziari, gestire progetti, etc.

Dare e avere, attivo e passivo, conto economico e stato patrimoniale, EBITDA, ROI…

  • A cosa serve tutta questa complessità?
  • Quali sono i meccanismi alla base dei prospetti contabili?
  • Come si legge un bilancio?
  • Quali sono e cosa significano i principali indici?

Questo percorso è progettato appositamente per i “non finance manager” ed ha l’obiettivo di accompagnarli al mondo della finanza d’azienda con un approccio semplice ma rigoroso.

Il programma, strutturato in quattro mezze giornate, ha l’obiettivo di trasferire logiche e strumenti per:

  • leggere senza difficoltà i bilanci;
  • fare valutazioni in merito alle evidenze contabili;
  • conoscere gli impatti economico finanziari dei propri investimenti;
  • prendere decisioni consapevoli.

Metodologia

Il percorso è progettato appositamente per i non addetti.

Non è richiesta, quindi, una pregressa conoscenza dei temi, ma la disponibilità ad una partecipazione attiva alle lezioni.

L’approccio fortemente interattivo tra docenti e partecipanti consente, infatti, di risolvere in modo rapido e semplice eventuali dubbi e perplessità, rendendo le lezioni particolarmente efficaci per i "NON-Financial Managers".  

Si fa largo uso di case studies reali, che vengono analizzati e dibattuti prevalentemente tramite l’utilizzo del foglio elettronico.

Destinatari

Il percorso si rivolge principalmente ai Manager di tutte le aree funzionali (marketing, operations, human resources, etc), consulenti e imprenditori.

Attestato di partecipazione

I partecipanti ricevono un "Attestato di partecipazione".

Programma

Finance for "non Finance"

Capire il bilancio d’esercizio: cosa esprimono i prospetti di bilancio?

01

Dare e avere, attivo e passivo, conto economico e stato patrimoniale…
A cosa serve tutta questa complessità?

Durante l’incontro andremo a comprendere i meccanismi che stanno alla base dei prospetti contabili per capire quali messaggi il bilancio vuole comunicare.

  • Perché Conto economico e Stato patrimoniale?
  • Le fonti normative del bilancio
  • Come si leggono i prospetti singolarmente
  • Principali aspetti fiscali e interferenze fiscali nel bilancio

L’equilibrio fra un forno e una torta: la riclassificazione del bilancio d’esercizio

02

Affinché un bilancio esprima al massimo la sua portata informativa è necessario un intervento di riclassificazione da parte dell’analista… 

Ma come si riclassifica un bilancio e quali sono le best practices diffuse?

Nel corso dell’incontro ci occuperemo delle più diffuse tecniche di riclassificazione del bilancio.

  • La riclassificazione: perché è necessaria?
  • Il Conto economico riclassificato a Valore aggiunto ed EBITDA
  • Lo Stato Patrimoniale riclassificato per gestioni
  • La terminologia anglosassone dell’analisi di bilancio
     

Indici di bilancio: come utilizzarli per ottimizzare l’analisi di bilancio

03

Gli indici di bilancio hanno un grande pregio ed una caratteristica che ne rappresenta il più grande difetto: la sintesi.

Affidando il giudizio ai soli indicatori di bilancio si rischia di assumere una visione troppo ristretta

Come fare dunque a scoprire gli aspetti trasversali che a volte stanno dietro ai numeri?

  • I principali ratios di bilancio:
    • Gli indicatori di liquidità
    • Gli indicatori di solidità
    • Gli indicatori di redditività
    • Gli indicatori di sostenibilità del debito
  • Il Break Even point finanziario e il moltiplicatore dei costi fissi

Cash is king: perché il flusso di cassa è una grandezza così importante?

04

Gli anglosassoni amano dire: “Volume is vanity, profit is sanity but cash is reality!”.

Fare risultati ma non incassarli, investire eccessivamente in scorte e capitale circolante, avere un indebitamento eccessivo sono tutti aspetti che non hanno a che fare con gli utili ma che impattano invece pesantemente sul flusso di cassa.

Avvicinarsi al rendiconto finanziario dei flussi di cassa apre la c.d. “terza dimensione” di analisi del bilancio  ovvero quella finanziaria che si va ad aggiungere alle dimensioni economico e patrimoniale.

  • Come si passa dalla logica economico-patrimoniale a quella finanziaria
  • La costruzione del flusso di cassa
  • Il rendiconto finanziario per pertinenza gestionale
  • Gli indicatori legati ai cash flows

Finance for "non Finance"

Dare e avere, attivo e passivo, conto economico e stato patrimoniale…
A cosa serve tutta questa complessità?

Durante l’incontro andremo a comprendere i meccanismi che stanno alla base dei prospetti contabili per capire quali messaggi il bilancio vuole comunicare.

  • Perché Conto economico e Stato patrimoniale?
  • Le fonti normative del bilancio
  • Come si leggono i prospetti singolarmente
  • Principali aspetti fiscali e interferenze fiscali nel bilancio

Affinché un bilancio esprima al massimo la sua portata informativa è necessario un intervento di riclassificazione da parte dell’analista… 

Ma come si riclassifica un bilancio e quali sono le best practices diffuse?

Nel corso dell’incontro ci occuperemo delle più diffuse tecniche di riclassificazione del bilancio.

  • La riclassificazione: perché è necessaria?
  • Il Conto economico riclassificato a Valore aggiunto ed EBITDA
  • Lo Stato Patrimoniale riclassificato per gestioni
  • La terminologia anglosassone dell’analisi di bilancio
     

Gli indici di bilancio hanno un grande pregio ed una caratteristica che ne rappresenta il più grande difetto: la sintesi.

Affidando il giudizio ai soli indicatori di bilancio si rischia di assumere una visione troppo ristretta

Come fare dunque a scoprire gli aspetti trasversali che a volte stanno dietro ai numeri?

  • I principali ratios di bilancio:
    • Gli indicatori di liquidità
    • Gli indicatori di solidità
    • Gli indicatori di redditività
    • Gli indicatori di sostenibilità del debito
  • Il Break Even point finanziario e il moltiplicatore dei costi fissi

Gli anglosassoni amano dire: “Volume is vanity, profit is sanity but cash is reality!”.

Fare risultati ma non incassarli, investire eccessivamente in scorte e capitale circolante, avere un indebitamento eccessivo sono tutti aspetti che non hanno a che fare con gli utili ma che impattano invece pesantemente sul flusso di cassa.

Avvicinarsi al rendiconto finanziario dei flussi di cassa apre la c.d. “terza dimensione” di analisi del bilancio  ovvero quella finanziaria che si va ad aggiungere alle dimensioni economico e patrimoniale.

  • Come si passa dalla logica economico-patrimoniale a quella finanziaria
  • La costruzione del flusso di cassa
  • Il rendiconto finanziario per pertinenza gestionale
  • Gli indicatori legati ai cash flows

Testimonianze

Diana è stata eccellente,  dall'esposizione dei concetti, all'interazione con il gruppo,  aperta al confronto ed a eventuali chiarimenti  disponibile e preparata a 360 gradi sugli argomenti proposti.  esperienza positiva.
L'esperienza nel complesso è stata assolutamente positiva grazie alla fruibilità del corso. Il docente molto competente e attento a tutto il gruppo. Sarebbe bello potr affiancare parallelamente delle aule di gruppo per affrontare la parte pratica così da favorire anche la conoscenza tra i partecipanti e la condivisione delle conoscenze.

Calendario

MESE Online
marzo 2025
  • giovedì 06
  • giovedì 13
  • giovedì 20
  • giovedì 27

Articolazione del Corso

Il Corso ha una durata di n. 4 mezze giornate

Ogni lezione ha una durata di circa 3,5h

 

Le prossime edizioni

  • ONLINE / dal 6 marzo

Faculty

Diana Lesic

Analista finanziario, ha conseguito la laurea in economia magistrale in Management e Finanza specializzandosi nella valutazione degli investimenti. Svolge attività di consulenza e di docenza in Finanza Aziendale. Si occupa di corporate finance con particolare focus sulla programmazione finanziaria e sull'espansione cross-border delle imprese italiane. È esperta nella valutazione di intangible assets, in particolare di brand e goodwill nel contesto degli International Valuation Standards. Si occupa di crisi di impresa con particolare focus sugli accordi di ristrutturazione del debito per la continuità aziendale. È analyst di FSA, società specializzata nella consulenza in finanza d’impresa. È co-autore del libro "Un Forno e una Torta - L'analisi di bilancio per logica gestionale", della collana inFinance - Keep it Simple!

Advisor di inFinance


Alumni

Networking e lifelong learning

La frequenza di un percorso inFinance è anche networking e lifelong learning.

Partecipando al Corso si acquisisce, automaticamente e gratuitamente, la “light membership” al network degli Alumni, valida per un periodo di 12 mesi dal momento dell'iscrizione.

Tra le opportunità riservate:

  • Accesso gratuito ai live Webinar;
  • Iniziative formative dedicate;
  • Accesso ad eventuali ulteriori percorsi inFinance con un'agevolazione del 30%, slegata da vincoli temporali.

Costi

Il Corso ha un prezzo di € 800 + IVA

Agevolazioni

> Per le iscrizioni anticipate sono previste le seguenti agevolazioni:

  • 22% per le iscrizioni effettuate entro il 22 dicembra (il costo sarà pari a € 624 + IVA)

> Per le iscrizioni multiple al percorso sono previste le seguenti agevolazioni, slegate da vincoli temporali:

  • n. 2 persone: 10%
  • n. 3 persone: 12,5%
  • n. 4 o più persone: 15%

Modalità di iscrizione

Per accedere ai Master e ai Corsi è necessario inviare una domanda di ammissione, con allegato il curriculum vitae.

L'invio della domanda di ammissione non è vincolante ma ci serve solo per valutare la compatibilità della candidatura con il percorso prescelto.

Alcuni dei percorsi richiedono, infatti, per poter essere fruiti efficacemente di alcune conoscenze propedeutiche. 

I principali elementi presi in considerazione sono l'esperienza e il percorso di studi.

Ricevuta la domanda di ammissione, ti contatteremo entro breve.

In caso di piena compatibilità, ti invieremo direttamente la documentazione per perfezionare l'iscrizione.

Negli altri casi, ti contatteremo per chiederti eventuali approfondimenti o motivare l'eventuale non ammissione.

 

Potrebbe interessarti

Vuoi ulteriori informazioni?
 


Scrivici

Ti chiamiamo noi?
 


Scegli quando

inFinance S.r.l. | via Domenichino 27 – 20149 Milano – Italy | tel. +39 02 86.89.17.63 – fax +39 02 86.89.17.64 | info@infinance.it
P.IVA 09220050968 – REA MI–2076529 | Capitale sociale € 50.000 i.v. | Informativa Privacy | Cookie policy